Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Tiro con l'arco

arcoIl Tiro con l’Arco da Caccia, recentemente inserito fra le discipline federali, è una specialità assolutamente diversa da quella che si pratica con i moderni archi da tiro e che appartiene –con i lusinghieri risultati che tutti conosciamo– alle discipline olimpiche.

In effetti, nelle altre pratiche sportive, si ha la versione evoluta di un utensile tra i più antichi usati dall’uomo e che, nel corso dei secoli, si è trasformato in attrezzo sportivo molto tecnologico e sofisticato. Anche la potenza dei moderni archi da competizione è particolarmente elevata, grazie all'uso di materiali particolari e di tecnologie sempre più sofisticate

L’arco da caccia, invece, è sicuramente più semplice, più pratico e meno dotato di complessi e ingombranti “marchingegni”. Di conseguenza, il tiro effettuato con questo strumento sportivo è più istintivo e sicuramente meno esasperato, mentre è sicuramente molto più affascinante per la sua dinamicità e la particolare ambientazione degli itinerari di gara.

Il tiro con l'Arco da Caccia, infatti -quasi a ricalcare quella particolare disciplina di tiro al piattello denominata “Percorso di Caccia Itinerante” (o Sporting)- si effettua durante un percorso, spesso all'interno di macchie e boschi suggestivi, lungo il quale sono disseminati dei bersagli tridimensionali riproducenti animali che la vigente normativa considera cacciabili con l'arco e le frecce. Oltre queste sagome in 3D, sono anche previsti bersagli mobili che, scorrendo su binari o fili, permettono di effettuare tiri molto particolari nei quali sono più importanti la velocità di reazione del tiratore e i suoi riflessi istintivi che non la tecnica e la concentrazione.

Incredibilmente numerose, e tutte di grande valore storico e tradizionale, sono le “Compagnie” di Arcieri presenti sul territorio nazionale e la Fidasc non intende assolutamente sostituirsi alla loro meritoria attività. Lo scopo principale di questo intervento è, invece, quello di offrire a tanti validissimi atleti la possibilità di competere ad altissimo livello in gare nazionali (e in futuro anche internazionali) con avversari sempre più numerosi e preparati, per contendersi titoli italiani e medaglie che solo una Federazione del Coni può attribuire.

Il 2010, con l'avvio della prima scuola federale e la disputa del 1° Campionato Italiano di Tiro con l'Arco da Caccia, rappresenta l'anno zero di questa disciplina che può contare su un bacino davvero considerevole di atleti e anche di potenziali campioni.